logo

QUANTO COSTA UN IMPIANTO ELETTRICO:LIVELLI IMPIANTO

indicativa

elettricista all’opera

Le variabili sono molteplici che possono incidere sul costo di un impianto elettrico civile.

Le normative hanno stabilito dei Livelli per indicare l’obbligo minimo di impianto e si suddividono in:

livello 1

  • livello base di impianto. le dotazioni minime di prese e punti luci è dato dai metri quadri delle stanze. Nel livello 1 è richiesto minimo 2 differenziali(salvavita) da collegare nel quadro elettrico. Il livello 1 garantisce un buon sistema di sicurezza dell’impianto e di funzionalità.

 

livello 2 standard

  • identiche modalità del livello 1,aumentano i punti presa e i punti luce sempre in base ai metri quadri delle stanze.Obbligatorio aggiungere il sistema di video citofono,il controllo carichi per risparmiare sui consumi e l’allarme anti intrusione.

 

livello 3 domotica

  • come nel livello 2,oltre al video citofono ,al controllo carichi e all’allarme anti intrusione è obbligatorio la domotica. Almeno 4 dispositivi elettrici dovranno essere comandati tramite domotica e interfacciarsi tra di loro ad esempio: tapparelle,termoregolazione(per il riscaldamento),luci e controllo carichi.

LEGGI LA GUIDA:RISPARMIARE ENERGIA ELETTRICA PER PAGARE MENO IN BOLLETTA

 

QUANTO COSTA UN IMPIANTO ELETTRICO:COMPOSIZIONE IMPIANTO

QUADRO ELETTRICO

Nel quadro elettrico è necessario considerare:

  1. la scatola (o centralino) da murare
  2. lo scaricatore di sovratensione(se necessario)
  3. generale per staccare l’alimentazione( magneto termico)
  4. almeno 2 differenziale per separare i circuiti(es.prese e luci)
  5. i capicorda i ponticelli per il cablaggio
  6. la mano d’opera per il collegamento e la messa in funzione

LA TUBAZIONE

La tubazione è utile per il passaggio dei fili elettrici, verrà calcolata in base ai metri quadri della casa,alle distanze tra le scatole e i comandi e alle predisposizione per impianti speciali. inoltre dovremo calcolare la sezione dei tubi in base alla quantità di fili elettrici che dovranno passare al loro interno.in media:

  1. 150/250 mt tubo corrugato nero sez.da 25
  2. 150/200 mt tubo corrugato nero sez.da 20
  3. 100/150 mt  tubo corrugato verde sez. da 25 per impianti tv/telefono
  4.  50/100 mt tubo corrugato  azzurro sez. da 25 p per impianto citofonico
  5. fornitura del materiale e posa

 

SCATOLE DI DERIVAZIONE E PORTA FRUTTO

Le scatole di derivazione ospitano la tubazione e al loro interno dove  verranno eseguiti i cablaggi e messi i morsetti nelle connessioni. Le scatole porta frutto sono quelle scatole che ospitano le prese e gli interruttori che andremo a scegliere.

  1. scatola di derivazione sotto il quadro elettrico
  2. scatola di derivazione nella camera da letto
  3. scatola di derivazione soggiorno
  4. scatole porta frutto circa 35/45
  5. fornitura delle scatole,cablaggio e collegamento

FILI ELETTRICI

Utilizzati per il trasporto della corrente dal quadro elettrico sino ai punti presa e i punti luce,i fili elettrici incidono notevolmente sul costo dell’impianto. vengono utilizzati fili elettrici con sezione da 4 mm per le dorsali di forza motrice e di sezione 2,5 per le dorsali circuito luce,di sezione 1,5 mm per i punti luce. La linea di alimentazione non deve essere inferiore ai 6 mm .

  1. circa 300 mt/ 400 mt di filo elettrico da 1,5mm
  2. circa 200 mt/350 mt di filo elettrico da 2,5 mm
  3. circa 60 mt/ 100 mt di filo elettrico da 4mm
  4. fornitura e infilaggio dei fili elettrici.
logo

quanto costa un impianto elettrico

PRESE E COMANDI

La scelta del tipo e modello di prese, comandi e placche spetta al cliente. La differenza tra una serie e un’altra può essere molto elevata non solo per la qualità ma soprattutto per il prezzo.In ogni caso,al giorno di oggi tutte le note marche che producono questo tipo di materiali ,pongono a prove i dispositivi e rilasciano il certificato di qualità CEE e IMQ.

  1. punti presa soggiorno da 20 mq    n5
  2. punto pulsante campanello e suoneria n1
  3. punti presa angolo cottura/ cucina 5
  4. punti presa ingresso n1
  5. punti presa camera matrimoniale 12 mq  n4
  6. punti presa bagno  2n
  7. punti luce soggiorno n1
  8. punti luce camera n1
  9. punti luce bagno n2
  10. punti luce ingresso n1
  11. punto luce cucina n1
  12. punti di comando per luce soggiorno n2
  13. punti di comando per luce camera n3
  14. punti di comando per luce corridoio n3
  15. punti di comando per punti luce bagno n2
  16. punti di comando per punto luce cucina n1
  17. punti di comando per elettrodomestici(bipolari) n4
  18. fornitura e collegamento dei supporti dei frutti e delle placche

 

MESSA A TERRA

è indispensabile oltre ad essere obbligatoria. La sua funzione è quella di disperdere nel terreno eventuali correnti di dispersione o di sovraccarico. Insieme con il salvavita( differenziale) evitano che qualcuno possa rimanere folgorato quando ci sono delle dispersioni elettriche.

  1. picchetti di messa a terra zincati da 1,5mt  n3
  2. treccia nuda di rame sez. da 25 mmq      12 mt
  3. cavo giallo verde sez da 25 mm  10 mt
  4. sezionatore di terra
  5. scatola per contenere il sezionatore di terra
  6. pozzetta 30×30 per ispezionare i picchetti n3
  7. fornitura del materiale,posa e collegamento,prove con strumentazione

Alla fine del collegamento del nostro impianto di terra è necessario effettuare la misurazione con strumento adeguato,per capire se l’impedenza rientra nei parametri richiesti dalle normative.

IMPIANTO TV

Preventiveremo anche un impianto tv terrestre (no satellitare)e telefonico

  1. punti presa tv terrestre 2
  2. punto tv antenna esterna 1
  3. punto presa telefonica 1
  4. punto presa telefonica predisposizione 1

LEGGI LA GUIDA:RISPARMIARE ENERGIA ELETTRICA PER PAGARE MENO IN BOLLETTA


QUANTO COSTA UN IMPIANTO ELETTRICO:COME VIENE FATTO IL PREVENTIVO

  • viene fatto di solito ” a punto”.significa che viene calcolato  un costo complessivo compreso materiale e mano d’opere su un’unico punto.
  • Per calcolare il costo di un punto presa viene considerato:la scatola,il tubo e il filo necessario,il supporto,la presa e la placca con i copri foro e la mano d’opera per il collegamento.
  • Per i punti luce viene considerato il tubo con i fili che parte dalla scatola sino al punto a soffitto o a parete.
  • Le dorsali vengono quantificate al mt considerando sempre il tubo,il filo e il collegamento.
  • Il costo dei punti varia da Regione a Regione.

 

IL totale varia da 3650 euro sino a 4700 euro a cui dovremo aggiungere l’ IVA al 22% a meno che rientrando nelle detrazioni fiscali l’IVA è al 10%

NEL PREVENTIVO PER CAPIRE QUANTO COSTA UN IMPIANTO ELETTRICO NON SONO STATI CALCOLATI:

  1. costi di un videocitofono
  2. costi per la predisposizione dell’impianto per la fibra ottica (dal 2015 è obbligatorio eseguirla per nuove strutture o pesanti ristrutturazioni).
  3. costi di prese aggiunte nella medesima scatola
  4. costi per il montaggio dei corpi illuminanti
  5. costi per la predisposizione tubazione per l’esterno

Ricordando che prima di poter mettere in opera un impianto elettrico è necessario :

un sopralluogo.

un progetto.

stilare il preventivo corretto per capire quanto costa un impianto elettrico.

Fine lavori è obbligatorio da parte della ditta installatrice, fornire la DI.CO dichiarazione di conformità dell’impianto elettrico.

Per maggiori informazioni per un preventivo  o per le dichiarazioni di conformità potete contattarci scrivendo nel modulo messaggi qua sotto,oppure cliccate sull’icona di whats app o dal nostro sito clicca Qui

LEGGI LA GUIDA:RISPARMIARE ENERGIA ELETTRICA PER PAGARE MENO IN BOLLETTA

logo

quanto costa un impianto elettrico

 

 

 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest

Avvia la chat
Hai bisogno di aiuto?
Ciao!
Hai bisogno di aiuto?